#RGeneration/Moda

Rock ‘N’ Strobe: Intervista all’Hairstylist ANDREA PEDRON

“L’azzardo non è più azzardo quando il cambiamento che un parrucchiere apporta ad un cliente, vive nel pieno di rispetto dei lineamenti e della personalità del cliente stesso… a questo punto l’azzardo diventa  valorizzazione.”

  (Andrea Pedron)

RedGlaze torna a parlarvi di Moda, iniziando a dare spazio anche a chi si occupa della cura dei capelli.

Hairdresser, Hairstylist, Coiffeur, il Parrucchiere ancora oggi si riconferma una delle figure più importanti e incisive nel mondo della moda e dell’estetica. Corti, lunghi, colorati o al naturale i capelli rimangono una delle caratteristiche fisiche che molto spesso esprimono la nostra personalità, quando si ha voglia di un cambiamento  soprattutto nel mondo femminile si parte proprio dai capelli. Noi vi presentiamo Andrea Pedron 34 anni di Montegrotto Terme (Padova) parrucchiere L’oréal e consulente Matrix, giovane creativo che entra a far parte della #RGeneration parlandoci di lui della sua professione, del mondo dell’Hairstyling  attraverso, esperienze di lavoro, consigli, novità e tendenze.

Ciao Andrea quando hai capito che “da grande avresti voluto fare il Parrucchiere”?

Ciao Marta, in realtà non prestissimo, nonostante mia madre  mi chiedesse di andare a lavorare nel suo negozio, per l’appunto lei è una parrucchiera, l’idea di toccare capelli non mi faceva impazzire, così finita la scuola ho fatto altri mille lavori.  Verso i 20 anni, quando mia madre ormai aveva smesso di chiedermi quando sarei andato a lavorare da lei  ho bussato io alla  sua porta..

img_3061

Come ti sei sentito quando hai realizzato il tuo primo taglio di capelli ad una cliente?

In realtà mi sono sentito come l’ultimo che ho appena realizzato,  questo vale anche per quando coloro. E’ bello lavorare pensando che non vendi un vestito e che se non piace più resta dentro all’armadio,  ma hai una responsabilità più grande; devi riuscire a trasmettere alla persona che ha riposto in te la sua fiducia, la  sensazione di sentirsi a proprio agio, tutti i giorni… non è poco!!!

Andrea e L’Oréal….

Andrea e L’Oréal si sono conosciuti per caso, nel senso che un mio amico e al tempo stesso un mio collega mi ha invitato a partecipare ad un colloquio poco distante da casa mia  che offriva appunto il lavoro che faccio ora. Mi sono presentato senza  sapere davvero quale fosse poi il vero lavoro e per di più con la febbre altissima, li ho conosciuto e ho avuto il piacere di fare due chiacchere con chi al tempo si occupava dell’education. Due settimane dopo ero a Torino in sede a fare un secondo colloquio.. devo dire che li ho conosciuto L’Oréal… tanta roba!

Cosa significa essere un “Consulente Matrix?

Significa appartenere ad un gruppo di colleghi molto uniti tra  noi, che divisi per zone, giriamo le nostre regioni di appartenenza dal martedì al venerdì andando ad incontrare i clienti che richiedono il nostro supporto per superare le difficoltà che il lavoro del parrucchiere ogni giorno presenta. Al sabato  sono sempre a casa e lavoro nel mio negozio a Montegrotto Terme, è un modo per salutare i miei clienti che non vedo più tanto e respirare un po’ di aria di casa dopo una settimana in giro. La Domenica ed il Lunedì invece siamo impegnati nelle aule di tutta Italia a fare formazione ai saloni…  in pochi sanno quanto dediti sono all’ accrescimento professionale. Essere un consulente Matrix significa soprattutto avere la fortuna ed il privilegio di conoscere e confrontarsi con tante persone di realtà diverse è” un dare ed un avere” ogni giorno. io lavoro in Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e parte dell’Emilia Romagna sono fortunato, dal mare alle montagne… mangio sempre bene!!!

foto-ct-gruppo

Quanto conta l’esperienza e quanto invece la formazione e l’aggiornamento continuo in questo campo?

 L’esperienza conta tantissimo, ti aiuta ad acquisire la credibilità e la  fiducia del cliente, ma può essere una lama a doppio taglio. L’esperienza ed il sentirsi arrivato spesso sono due concetti che viaggiano paralleli.

Nelle mie aule quando vedo signore che potrebbero tranquillamente sentirsi arrivate, (dove magari il successo del negozio gli darebbe anche ragione) in prima fila a prendere appunti o a fare domande, provo davvero tanta ammirazione, perché  hanno assolutamente capito che è la formazione la forza motrice del negozio.Il parrucchiere vende moda, ad un consumatore finale che grazie ad internet, social e riviste è assolutamente aggiornato sul Trend del momento, se ti fai cogliere impreparato il cliente cambia!

Da qualche tempo sembra che “le colorazioni forti e insolite” siano quasi all’ordine del giorno…. cosa ne pensi? C’è un’ età per ogni cosa o si può sempre azzardare?

 Arriviamo da qualche anno dove le punte schiarite hanno dettato legge.Matrix sono anni che forma saloni di tutta Italia con una straordinaria tecnica di colorazione, si chiama Arpège ed è stata ideata da Marco Todaro che è  un nostro Hair Design.E’ un percorso formativo che permette di realizzare colori in sfumatura e multisfacettati, ispirandosi al colore naturale dei bambini,  molte donne d’Italia lo indossano!!Arrivando poi ad oggi, dove la donna ha voglia di divertirsi con i propri capelli. Già da quest’estate le punte che prima erano bionde sono diventate di tonalità pastello come l’azzurro, verde, pesca o rosa (quartz pink è stato eletto colore pantone dell’anno 2016).C’è un età per azzardare? L’azzardo è molto soggettivo, per alcune donne solo spostare la riga da destra a sinistra rappresenta un cambiamento troppo radicale. L’azzardo non è più azzardo quando il cambiamento che un parrucchiere apporta ad un cliente, vive nel pieno di rispetto dei lineamenti e della personalità del cliente stesso… a questo punto l’azzardo diventa  valorizzazione.

Qual’è lo stile che distingue Andrea?

Ho sempre cercato di lavorare rispettando il cliente ed i suoi capelli, facendo capire che la moda è uno spunto, non una regola.Per fortuna siamo tantissimi e unici, quindi cercando di lavorare su questa unicità è secondo me bellissimo intervenire andando ad esaltare quelle che sono le caratteristiche belle e particolari di quel viso con il colore, taglio e make – up. Hai mai sentito parlare dello Strobing?TU MI DIRAI NO… Strobing nasce nel trucco come il posizionamento di luci in punti chiave del viso, per attirare l’attenzione sulle caratteristiche facciali preferite. Ora questa tendenza si è estesa oltre al trucco ai capelli. Matrix è la prima azienda ad aver ribaltato questa tendenza ai capelli, con una collezione internazionale che si chiama Rock’n’strobe, bellissima proposta dove l’Italia è stata rappresentata dal nostro Hair Design Cristian Chiffi, che ha realizzato il look secondo me più bello, quello grigio che vedete nella foto.

strobing-room-step-by-step-mec-2016-ppt

Andrea io e a tutto lo Staff di RedGlaze Magazine ti ringraziamo per la disponibilità!

E’stato un piacere per me chiaccherare con te.. spero a alla prossima!

Martha Padovani

CONTATTI:

logo-marta

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...