Moda

…DAL MONDO DELLA MODA, NICOLO’ SI RACCONTA A REDGLAZE…

a_mar_IMG_9562

Cari lettori,

 Spesso gli incontri più interessanti avvengono nei luoghi più comuni, ed è quello che è successo alla nostra Elena, in una giornata qualsiasi ha avuto l’occasione di incontrare ”il personaggio” di questa intervista, davanti ad un caffè ,seduto al tavolo di un bar Nicolò si è raccontato a RedGlaze.

Buona Lettura.

a_Numero homme ss13_Nicolo-8

Nicolò, che cosa ti ha portato a intraprendere la carriera di modello?

Penso che ogni persona dentro di se abbia una forma d’arte propria, per me l’amore per l’arte è stato uno dei primi motivi che mi ha spinto a intraprendere questa carriera ma non solo anche l’amore per i viaggi, la voglia di conoscere persone nuove, l’espandere  la mente a nuove esperienze,  cose che nel mio lavoro precedente di disegnatore non mi era possibile fare e poi comunque la passione  per la moda che da sempre è stata uno dei miei interessi principali.

Lavorare nel mondo della moda  non è semplice come tanti pensano, non sai mai che cosa ti aspetta per esempio, chi lavora in banca conosce il suo lavoro sa su cosa deve imbattersi ogni mattina, qui no, non hai mai una visione nitida di quello che ti aspetta ogni giorno. Il concetto di modello/a è molto soggettivo, c’è chi da questa figura si aspetta la fama e il successo come capita per diverse ragazze, io invece vedo questa carriera come una possibilità di evadere ogni giorno dal quotidiano. Ho acquisito più sicurezza di me stesso, il fatto di viaggiare molto involontariamente cambia qualche aspetto di te, se prima l’idea di prendere un aereo andare all’estero mi frenava un attimo e mi metteva un po’ di ansia ora no, come ho già detto è tutta una questione di allargare i punti di vista della nostra mente.

Quali pressioni comporta questo tipo di lavoro?        

Si può dire che questo lavoro è fatto di livelli, c’è un livello basso, uno medio, uno alto e per finire il top. Se rientri in quest’ultimo livello, le pressioni che ha la figura del Top Model  sono enormi, ne ho conosciuti diversi sia uomini che donne, può sembrare insolita come cosa ma in questo ambito la psicologia conta molto. Chi vede questo mondo da fuori direbbe che l’aspetto fisico è l’elemento principale che fa girare il tutto, ma vi posso assicurare che l’estetica occupa solo un 20%, devi avere un carattere predisposto per diventare un Top Model, delle qualità ben definite per arrivare in alto, tra cui determinazione, energia , sicurezza di se e un pizzico di presunzione, l’ultima da saper quando e come utilizzarla, perché come ben si sa se non sai gestire te stesso in questo ambiente è l’ambiente stesso a distruggerti.

1-Gq Style SA aw2015_cover0

Sei apparso nella copertina di una delle riviste più famose al mondo, raccontaci un po’ com’è successo ma soprattutto come ci si sente…

Come ci si sente….. diciamo che se fossi apparso sulla copertina di GQ Africa dal niente avrei detto “Wow fantastico bello” ma non è stato il mio caso. Penso che questa copertina sia stata certamente una soddisfazione ma per me stesso è stata più che altro un punto di equilibrio, nel mondo della moda si parla spesso di “opzione”  “ selezione” e una buona dose di fortuna,  può succedere che anche dopo un lungo e faticoso lavoro per una serie di motivi, non sia tu quello che stanno cercando, così aspetti e ti prepari nuovamente ai prossimi casting. Questa copertina concedetemi di passare il termine “Meritata”, è arrivata dopo un duro lavoro, anche se me l’aspettavo,  perché come ho ripetuto in precedenza in questo lavoro acquisti una maggiore sicurezza di te stesso e riesci  a capire anche quando sai di farcela oppure no.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sono in partenza per il Brasile dove raggiungerò la mia fidanzata e allo stesso tempo continuo con il mio lavoro, fatto di servizi fotografici, eventi e sfilate. Nei miei progetti futuri c’è la voglia di arrivare in alto nel mondo della moda, ma ho anche altri interessi, sono due anni che sto studiando economia da autodidatta, è una cosa mia personale che voglio portare avanti per me stesso.

IMG_0003Quale domanda ti piacerebbe ti fosse fatta?

Oggi cosa mi rende felice….

……cosa ti rende felice?

Il saper creare qualcosa, quando ho un obbiettivo e so che posso creare qualsiasi cosa. Penso che il fine dell’essere umano sia questo: CREARE, la felicità anche se non ce ne rendiamo conto arriva proprio dall’avere un obbiettivo, la mia è arrivata quando ho dovuto crearmi questo lavoro, staccandomi da quello che facevo prima, concentrandomi su quello che sarebbe stato il mio futuro.  Tuttora quando ho qualche momento in cui mi sento giù di fase è proprio perché capisco che in quel momento mi manca una prospettiva di creazione.

b_mar_IMG_9871

Nicolò Novelli è nato a Rovigo il 28 Dicembre 1983, ha lavorato per alcuni marchi italiani tra cui Gucci, Dolce&Gabbana e Givenchy, RedGlaze lo ringrazia per la sua disponibilità.

Elena Pivetta  e Martha Padovani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...