Essere MAMMA

Quando “ESSERE MAMMA” sembrava un sogno ormai lontano….

Per me diventare mamma non è stato semplice per un periodo della mia vita ho vissuto in un limbo, vedevo questo sogno lontano a tal punto che per un attimo ho sfiorato la rassegnazione.

Ho sempre desiderato essere una mamma giovane, immaginavo di avere il mio primo figlio a 25 anni per poterlo crescere insieme a me, ma la vita per varie circostanze come il lavoro, le persone sbagliate di cui mi sono innamorata in passato sino ad arrivare alla salute, hanno impedito questa cosa.

A 31 anni ho visto le mie prime e famose “ lineette rosse”  è stata una gioia ed una sorpresa che purtroppo è andata a svanire nella terza settimana con un “ Mi dispiace signora ma la sua gravidanza è terminata” dal monitor ricordo di aver visto quel piccolo bambino di profilo senza vita, per molto tempo ho portato dentro di me quell’immagine, gli esami del sangue, la data in cui sarebbe dovuto nascere …il ciuccio….Come tante altre donne mi sono sentita dire che poteva succedere, che era il primo, che la natura aveva deciso così, ma continuavo a ripetermi di non perdere la speranza, di riprovarci.

Per 2 anni ho vissuto con la rassegnazione che non potevo avere figli, che forse “essere mamma” non era scritto nel mio destino, probabilmente per me nel mio futuro vi erano altri progetti ben diversi.

All’età di  33 anni un giorno conobbi Filippo un Uomo, il Mio Uomo che mi aiutò a rifarmi una vita, io lo considero come un angelo che mi ha dato una seconda possibilità, un uomo che ho iniziato ad amare dopo soli tre giorni di frequentazione,  l’uomo che poi è diventato mio marito e che il mio piccolo cuore voleva come padre dei miei figli. Eravamo io e lui e nessun altro, noi eravamo la nostra famiglia, ma ad un certo punto questa piccola famiglia sentiva il desiderio di allargarsi così un giorno parlammo che se fosse arrivato un bimbo, la nostra felicità sarebbe raddoppiata. Ma questo bambino dopo svariati tentativi non ne voleva sapere di arrivare.

Con le tante paure che una donna può avere per certe cose, decisi di riprendere in mano quello che fino ad ora avevo “trascurato” , decidendo cosi di approfondire quelle parole che fino ad ora mi erano state dette “Signora è un suo difetto fisico” Dopo svariate visite scoprii di avere  un utero sub-setto.

Mi operarono salutandomi con un “Tanti auguri e figli maschi” ma nel giro di sei mesi persi altri due bambini. Da quel momento per me iniziò un periodo buio e difficile, mi ritrovavo a fare i conti con i miei pensieri  quelli di una donna  che si sentiva inadeguata che non riusciva a fare la cosa più naturale, DARE LA VITA.

Passai lunghe giornate, fatte di tristezza e malinconia, ma un pensiero non abbandonava la mia testa “DOVEVA ESSERCI UNA SOLUZIONE, VOLEVO IL MIO BIMBO “  mi rialzai da questa ennesima caduta e la mia vita diventò per la seconda volta una strada fatta di visite, di altre operazioni per sistemare quello che le precedenti non avevano fatto, il tempo passava,  un tempo che sembra non finire mai, un tempo che mentre lo vivi vedi che tutti vanno avanti e tu stai sempre ferma allo stesso punto  vedendo che non cambia mai nulla. Il sogno di diventare Genitore inizia a sfumare, il frutto di tutto quell’amore che continuavi a ricevere dall’uomo che avevi sposato, forse non si sarebbe mai concretizzato….

Il 13 Febbraio 2014, quando davvero avevo perso tutte le speranze, quando stentavo a credere anche alle cose più banali a cui credono tutte le persone, ormai stanca di tutte queste “esperienze difficili”…..rimasi incinta.

Ritornò quell’emozione lontana della prima ecografia, lui che con la sua manina ci salutava e sentivo  il suo cuore battere.

Ho vissuto questa gravidanza in modo surreale molto spesso incredula di quello che mi stava succedendo.

Al contrario di tante mamme non ho mai scritto il suo diario, solo dal 6° mese ho iniziato a preparare e acquistare le sue cose, tutto mi sembrava ancora così impossibile.

Samuele è nato il 1 Novembre 2014, il suo nome vuol dire in aramaico: il SIGNORE HA ASCOLTATO, era il figlio di Anna. Anna si chiamava pure l’ostetrica che l’ha fatto nascere e ancora oggi mi chiedo se sia nato il questa Data, perchè ho pregato tutti i Santi, all’età di quasi 39 anni sono diventata mamma.

Tra poco Samuele ha quasi un anno e ancora oggi quando lo guardo stento a credere di essere diventata madre e che Samuele è mio figlio, di avercela finalmente fatta.

SERENA 40 anni, MAMMA del piccolo SAMUELE 11 mesi.

12087638_10205176766954461_95522844_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...